Festival Arte Fede

Il Programma 2018

PIETA'

Una Quadristallazione di Gianfranco Pigozzi

All’esterno un monolite nero, una presenza metafisica, ma di una teatralità essenziale ed atomica all’interno: uno spettatore, una rappresentazione. Una macchina scenica dove un’immagine figurativa e allusiva si fa testo e viene messa in scena tramite una narrazione audiovisiva. Uno spettacolo minimale, ma anche una piccola liturgia forse. Una quadristallazione che intende mediare l’incontro con un dipinto tramite una sua fruizione “forzata”, circondandolo di dimensioni espressive sovrapposte a quelle già da esso possedute in quanto supporto bidimensionale. Un’installazione che prova ad innescare la drammatizzazione di un dipinto.

Gianfranco Pigozzi è nato nel 1972 ad Arezzo e, a parte una parentesi romana, vive e lavora a Orvieto dove è grato di poter provare ad essere, secondo le sue possibilità, padre di famiglia, architetto, insegnante e in qualche modo artista.

Atrio Palazzo dei Sette, dal 20 Maggio - 3 Giugno

Piena di Grazia

Film di Andrew Hyatt

La storia del Nuovo Testamento dal punto di vista di Maria, madre di Gesù Cristo. Il film ripercorre gli ultimi anni della vita di Maria di Nazareth e i suoi sforzi per aiutare la nascente Chiesa cristiana a riguadagnare il suo incontro con il Signore. Si tratta della prima pellicola nella storia del cinema religioso realizzata sull'ultimo periodo di vita di Maria. Attraverso i suoi occhi il film, con un linguaggio intenso ed emotivo, tenta di esplorare l'incontro dell'uomo semplice con Dio, il momento in cui si è guardati dal Signore. Maria, poco prima di spegnersi, ricorda agli apostoli una verità d’amore, pensando al Figlio: “Il suo cuore ha battuto insieme al mio per nove mesi, ora il vostro cuore batte col suo per l’eternità”. Il Festival, attraverso il film, promuove la festa di Maria Madre della Chiesa recentemente introdotta da Papa Francesco nel Calendario romano il Lunedì dopo Pentecoste.

Nuova Biblioteca Pubblica L. Fumi - Sala Eufonica - 23 Maggio - Ore 16.00

Il senso della bellezza - Arte e scienza al CERN

Documentario di Valerio Jalongo

Un viaggio ne tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare: un’esplorazione della materia immediatamente dopo il Big Bang che ha dato origine al nostro universo. Attraverso immagini sensazionali del Cern di Ginevra e interviste esclusive a scienziati e artisti, il documentario spiega come scienza e arte, in modi diversi, inseguano verità e bellezza. Tra queste donne e questi uomini alcuni credono in dio, altri credono solo negli esperimenti e nel dubbio. Ma nella loro ricerca della verità, tutti loro sono in ascolto di un elusivo sesto, o settimo, senso...il senso della bellezza.

Nuova Biblioteca Pubblica L. Fumi - Sala Eufonica - 24 Maggio - Ore 16.00

Come un prodigio. Storia di una conversione

Testimonianza con musica di Debora Vezzani

È la forte testimonianza della talentuosa Debora Vezzani, cantante e compositrice, autrice del canto "Come un Prodigio". «Renditi disponibile e vedrai meraviglie!» Passare dalla ferita dell'abbandono alla bellezza del vero abbandono in Dio è possibile. Queste pagine vogliono aiutare a scoprire come Dio passa nella semplicità della quotidianità, lasciando i segni da seguire per poter risorgere dai propri fallimenti e fare della propria vita un capolavoro. Tu ci metti la disponibilità e Lui ci mette le Meraviglie!

Questo è il Prodigio che ho vissuto e che ho raccontato nel mio primo libro, uscito in tutte le librerie il 22 Febbraio 2018 per la Tau Editrice e che fa parte della Collana “Cronache di Risurrezione” curata da Robert Cheaib. Una cronaca di Risurrezione che racconta il passaggio dalla “morte” alla vita, dal pensare di essere uno sbaglio al sapere di essere un Prodigio. Dal proprio “io” a Dio, dalla propria volontà alla Divina Volontà: è così che l’ordinario non solo diventa straordinario, ma Divino!

Orvieto - Chiesa S. Andrea - 25 Maggio - ore 18.00

"Fare un'Anima" Spettacolo di e con Giacomo Poretti

Questo monologo, scritto e interpretato da Giacomo Poretti, raccoglie divagazioni e provocazioni su un organo che i moderni manuali di anatomia non contemplano ma di cui da millenni gli uomini di ogni latitudine hanno parlato: quando si sviluppa l’anima in un essere vivente? Esiste realmente o è solo una chimera, un desiderio? Oppure è così infinitesimale che non la si vede nemmeno con il più grande scompositore di particelle? E alla fine, anche se la scovassimo, l'anima a che serve? Cosa ce ne facciamo? O meglio, cosa vorrebbe farne lei di noi? “Il  progetto di questo monologo - spiega Giacomo -  mi frulla in testa da quando è nato mio figlio Emanuele . In quell’occasione venne a trovarci in ospedale un anziano sacerdote che mia moglie ed io conoscevamo bene . Si complimentò con noi e ci disse: bene, avete fatto un corpo, ora dovete fare l’anima. Questa frase mi è rimasta dentro per molto tempo, si è sedimentata finché non mi sono deciso ad affrontare la questione, un compito certo non facile. Per affrontarla ho usato il linguaggio dell’umorismo e dell’ironia e mi sono posto un sacco di domande. Come nasce l’anima? Spunta coi dentini da latte? O dopo? Quanto incide una corretta alimentazione a farla crescere? E, nel caso, sarebbe meglio una dieta iperproteica o senza glutine, oppure povera di sodio? Ma l’anima esiste davvero o è una nostra invenzione? E ancora: è una parola da mandare in pensione o i tempi complicati che stiamo attraversando la rendono più che mai ineludibile? "E poi - prosegue Giacomo - a pensarci bene a cosa serve un’anima? Nessuno ti chiede di esibirla: quando ti fermano i carabinieri si accontentano di patente e libretto, se fai acquisti su internet bastano carta di credito e mail. L’anima sembra la cosa più antimoderna che possa esistere, più antica del treno a vapore, più vecchia del televisore a tubo catodico, A un certo punto rischia di farti tenerezza quella parola lì. Anima è una parolina esangue, malvestita e malnutrita, eppure è gelosa e innamorata: innamorata di noi e della vita, e come ogni amante ci vuole solo per sé.

Giacomo Poretti, è un comico, attore e sceneggiatore italiano componente del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo.

Orvieto - Duomo - 26 Maggio - ore 21.00 - Ingresso libero

Ex Libris - The New York Public Library

Film di Frederick Wiseman

Il maestro del documentario Frederick Wiseman racconta una delle biblioteche più grandi degli States: la cultura e il silenzio come antidoto al caos contemporaneo. Ex Libris - The New York Public Library è il quarantaduesimo film del leggendario documentarista classe 1930, che a ottantasette anni presenta per la prima volta una sua opera in Concorso a Venezia. Wiseman aveva già ricevuto il Leone alla Carriera nel 2014. La macchina da presa si aggira umilmente per i corridoi traboccanti di libri e per le sale dove ogni giorno si alternano incontri e conferenze. L’intento è osservare, non invadere, senza mai fermarsi alla superficie e scavando sempre più a fondo. Non ci sono interviste o voci fuori campo: ogni parola viene catturata durante il lavoro degli impiegati o nelle numerose iniziative quotidiane. Fin dai primi minuti, l’obiettivo è esaltare la funzione del sapere nella società moderna. “Siamo una biblioteca pubblica, perché la cultura deve essere di tutti”, spiega un rappresentante della fondazione no profit che gestisce la biblioteca. Si salta dalla presentazione di un nuovo romanzo a un concerto di musica classica, dalla performance di un attore alla riunione del consiglio di amministrazione che si interroga sui futuri investimenti e sui tagli del budget.

Orvieto - 28 Maggio - Cinema Corso - ore 19.00

Incontro con P. Antonio Spadaro

"Solo a partire dal dono..." Una lettura guidata di Gaudete et Exsultate

A cinque anni dall'elezione, Papa Francesco ci consegna la sua terza Esortazione apostolica.
Un testo che non vuole essere un trattato, ma il cui umile obiettivo è quello di far risuonare ancora una volta la chiamata alla santità rivolta a tutti, cercando di incarnarla nel contesto attuale, con i suoi rischi, le sue sfide e le sue opportunità. Pazienza e mitezza, umorismo, audacia e fervore, vita comunitaria e preghiera costante sono descritte come alcune delle caratteristiche della santità nel mondo attuale. Dalle parole semplici e pratiche del papa emerge una disposizione che non ha nulla di ideale o di astratto, ma è una santità “della porta accanto”, paziente, che si esprime attraverso piccoli gesti e che il Papa scorge “nei genitori che crescono con amore i loro figli, negli uomini e nelle donne che lavorano per portare il pane a casa”. La guida alla lettura del direttore de La Civiltà Cattolica, Antonio Spadaro, aiuta a cogliere la centralità di questa Esortazione nel progetto di riforma spirituale portato avanti da Francesco: proprio come il santo di Assisi, egli intende «ricostruire» la Chiesa, mettendo al centro Dio. Il testo di Spadaro presenta il documento, ne indica le fonti nelle riflessioni pastorali di Bergoglio gesuita e vescovo, e in quelle più recenti da Pontefice, e individua i temi centrali del messaggio che il Papa intende lanciare oggi alla Chiesa.

Orvieto - Palazzo dellíOpera del Duomo - 29 Maggio - ore 18.00

XI Rassegna Corale di Musica Sacra

A cura della Corale "Vox et Jubilum" della Cattedrale

La rassegna dedicata alla musica corale sacra, promossa dall'Associazione Vox et Jubilum guidata dal M° Stefano Benini, è giunta alla XI edizione. L'evento è ospitato all'interno della Cappella di San Brizio, location suggestiva quanto esclusiva. La manifestazione che ha sempre coinvolto Corali di prestigio, si prefigge di diffondere la cultura musicale corale e di contribuire, attraverso la forma sacra, a solennizzare e santificare la settimana più importante per la religiosità cittadina, quella del Corpus Domini. La Rassegna è sostenuta dal Capitolo Cattedrale di Orvieto, con la collaborazione dell'Opera del Duomo.

Orvieto - Duomo - Cappella di San Brizio - 29 Maggio - ore 21.00

Raffello - Il Principe delle Arti in 3D

Trasposizione cinematografica su Raffaello Sanzio

Pochi personaggi nella storia dell’arte hanno una parabola di vita tanto intensa e ricca di suggestioni quanto Raffaello Sanzio. Muore a soli 37 anni eppure riesce a lasciare un segno indelebile nella storia dell’arte. Dopo il successo dei primi 3 film, Sky, Musei Vaticani e Nexo Digital, in collaborazione con Magnitudo Film, presentano il quarto film d’arte per il cinema: “Raffaello - il Principe delle Arti”, la prima trasposizione cinematografica mai realizzata su Raffaello Sanzio (1483-1520). Il film, prodotto da Sky 3D, con Sky Cinema e Sky Arte, è stato riconosciuto di interesse culturale dal MiBACT-Direzione Generale Cinema.

Orvieto - Biblioteca L. Fumi - Sala Eufonica - 30 Maggio - Ore 16.00

Concerto d'Organo

Nel giorno della festa liturgica del Corpus Domini, su iniziativa dell’Associazione Lea Pacini, si inserisce il concerto del M° Nello Catarcia, organista della Cattedrale. Il suono dell'organo, progettato da Ippolito Scalza nel 1582 e restaurato nel 2016, sostiene il canto unanime e il cammino dei fedeli. Tra gli strumenti della liturgia, l'organo si fa icona della comunità e della Chiesa orante. Nel repertorio brani di César Franck, Johann Sebastian Bach e Franz Liszt.

Orvieto - Duomo - 31 Maggio - Ore 21.30

Incontro con Davide Rondoni

"Mettere a fuoco la Vita. Un'esperienza di Poesia"

“La poesia è quella forma d’arte che per taluni non è arte, ma  processo creativo nato per ispirazione divina. E per altri più semplicemente una inclinazione naturale fondamentale dell’uomo volta a ricucire i fili dell’animo, mediante l’uso delle parole. La poesia mette a fuoco la vita. La poesia e la letteratura sono fenomeni umani. Appartengono alla piccola serie delle cose che l’uomo ha sempre fatto, pur in diversi modi. Non è una invenzione capitata a un certo punto della nostra storia. No, dove c’è un uomo c’è sempre stata, e sempre ci sarà, arte. E’ arte delle parole, dunque”.

Questa è la concezione della poesia di Davide Rondoni, uno tra i maggiori poeti italiani contemporanei, formatosi nella bottega d’arte di maestri della caratura di Mario Luzi e Giovanni Testori. Nato nel 1964 a Forlì, è un poeta, scrittore e saggista. Le sue raccolte di poesia, pubblicate in Italia e tradotte nei principali Paesi europei e in tutto il mondo, gli sono valse alcuni dei maggiori premi nazionali. Fondatore e direttore del Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna, tiene corsi di poesia e letteratura presso la l’Università di Bologna, Milano Cattolica, Genova, Iulm, Yale University e Columbia University (Usa). È direttore artistico del Festival Dante09 a Ravenna e dirige la rivista di poesie e arte clanDestino. Collabora abitualmente a reading con i migliori attori e musicisti del panorama italiano. Si occupa inoltre della cura e conduzione di numerosi programmi televisivi per Rai, Sky, Tv2000. È editorialista per Avvenire, il Tempo e il Sole 24 ore

Orvieto - Atrio Palazzo dei Sette - 01 Giugno - ore 18.00

Lazzaro Felice

Film di Alice Rohrwacher - Con la partecipazione della Regista - Conduce Guido Barlozzetti

Lazzaro felice è la storia di una piccola santità senza miracoli, senza poteri o superpoteri, senza effetti speciali: la santità dello stare al mondo e di non pensare male di nessuno, ma semplicemente di credere negli altri esseri umani. Quella di Lazzaro, un contadino che non ha ancora vent'anni ed è talmente buono da sembrare stupido, e Tancredi, giovane come lui, ma viziato dalla sua immaginazione, è la storia di un'amicizia. Un'amicizia che nasce vera, nel bel mezzo di trame segrete e bugie. Un'amicizia che, luminosa e giovane, è la prima, per Lazzaro. E attraverserà intatta il tempo che passa e le conseguenze dirompenti della fine di un Grande Inganno, portando Lazzaro nella città, enorme e vuota, alla ricerca di Tancredi. Nel cast del suo nuovo film, oltre alla sorella della regista, Alba Rohrwacher, anche Adriano Tardioli, Luca Chikovani, Sergi López Tommaso Ragno, Natalino Balasso e Nicoletta Braschi, che torna sul grande schermo tredici anni dopo “La tigre e la neve” diretto dal marito Roberto Benigni.

Alice Rohrwacher è una regista italiana. Nel 2014 vince il Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes per Le meraviglie, suo secondo film da regista dopo Corpo celeste che le è valso il Nastro d’argento al miglior regista esordiente nel 2012.

Orvieto - Cinema Corso - 2 Giugno - Film ore 19.00 - A seguire Incontro
CONTATTACI

  Festival Arte Fede


  Invia SMS
  3478152428
  festivalartefede.it