Il Corpus Domini

Home

Arte e Fede

Chi siamo

La città

Programma 2018

Passate Edizioni

Photogallery

          Web TV           

Amici del Festival

Privacy Policy Cookie Policy

La festa del Corpus Domini è strettamente legata alla città di Orvieto.

Papa Urbano IV, dalla sua residenza di Orvieto, istituì urbi et orbi la festività del Corpus Domini nel 1264, in seguito al miracolo eucaristico di Bolsena avvenuto nel 1263.

Si racconta che un prete boemo, in pellegrinaggio verso Roma, si fermò a dire messa a Bolsena e al momento dell’Eucarestia, nello spezzare l'ostia consacrata, fu pervaso dal dubbio che essa contenesse veramente il corpo di Cristo. A fugare i suoi dubbi, dall'ostia uscirono alcune gocce di sangue che macchiarono il bianco corporale di lino, attualmente conservato nel Duomo di Orvieto. Venuto a conoscenza dell'accaduto, Papa Urbano IV decretò il miracolo e istituì ufficialmente la festa del Corpus Domini estendendola a tutta la cristianità.

Pochi anni prima, la spinta per l’istituzione di una nuova festività liturgica che celebrasse il Sacramento dell’Eucaristia era venuta ad opera di Giuliana di Cornillon, nota come Santa Giuliana di Liegi.

Nel 1208 Giuliana, priora nel Monastero di Monte Cornelio presso Liegi, vide durante un'estasi il disco lunare risplendente di luce candida, deformato però da un lato da una linea rimasta in ombra. Da Dio intese che quella visione significava la Chiesa del suo tempo che ancora mancava di una solennità in onore del SS. Sacramento.

Fu proprio il Vescovo di Liegi che, dopo iniziali esitazioni, accolse la proposta di Giuliana e istituì, per la prima volta, la solennità del Corpus Domini nella sua diocesi nel 1246. Alla buona causa della festa del Corpus Domini fu conquistato anche Giacomo Pantaléon di Troyes, che aveva conosciuto la Santa durante il suo ministero di arcidiacono a Liegi. Fu proprio lui che, divenuto provvidenzialmente Papa con il nome di Urbano IV nel 1261, istituì a Orvieto la festa del Corpus Domini nel 1264.

Nella Bolla di istituzione della festa del Corpus Domini, intitolata Transiturus de hoc mundo, il Papa scrive: “Sebbene l’Eucaristia ogni giorno venga solennemente celebrata, riteniamo giusto che, almeno una volta l’anno, se ne faccia più onorata e solenne memoria.” La data della sua celebrazione fu fissata nel giovedì seguente la prima domenica dopo la Pentecoste.

Da allora ogni anno a Orvieto, in occasione della festa del Corpus Domini, il Corporale del Miracolo di Bolsena viene portato in processione per le strade cittadine seguendo un percorso che tocca tutti i quartieri e i luoghi più significativi della città. La processione religiosa sfila insieme al Corteo Storico nel quale sono rappresentate tutte le magistrature e le corporazioni dell'epoca comunale, offrendo uno spettacolo suggestivo e indimenticabile.